Napoli, treni della metro troppo grandi: non entrano nel tunnel

01CorriereMezzogiorno Web Mezzogiorno

09/01/2018 - Guai per la Line 6 di superficie. I moderni convogli non posso essere calati sui binari, per non far fallire il progetto si utilizzeranno vagoni vecchi di 28 anni

Non c’è pace per la Linea 6 della metropolitana leggera di Napoli, quella che collega Fuorigrotta a Mergellina. Chiusa nel lontano 2013 per i lavori di prolungamento della linea, dovrebbe tornare in esercizio entro l’anno con l’apertura delle stazioni San Pasquale e Arco Mirelli e, poi, nel 2019 quella di Chiaia. Un cronoprogramma che potrebbe saltare perché i nuovi treni previsti dal contratto non potranno essere utilizzati: lunghi 39 metri, non possono essere calati sui binari dall’unico “pozzo” di lavorazione a causa dell’eccessiva grandezza.

Un tunnel largo 27 metri
Infatti, l’unico “foro” disponibile per fare entrare i treni — quello che dalla superficie scende nelle viscere della terrà — è largo soltanto 27 metri. Per evitare di decretare il fallimento totale del progetto, saranno utilizzati i 6 convogli da 25 metri, che furono comprati in vista dei Mondiali di Italia 90. Mezzi di 30 anni fa, che necessitano di manutenzione straordinaria e i cui pezzi di ricambio si trovano con estrema difficoltà e a costi elevati.

Problemi con dipendenti e deposito
Ma le criticità per Anm (la municipalizzata che gestisce il trasporto locale della città di Napoli) sembrano essere numerose. Da un lato, mancano i 62 dipendenti necessaria a muovere i convogli, che costerebbero alla società 2,5 milioni di euro l’anno; dall’altro, perché i nuovi treni possano entrare è necessario un nuovo deposito, che al momento non esiste. Il progetto lo prevede nell’area Campegna-Arsenale, ma i tempi sono lunghi: almeno 5 anni.

Fonte:http://www.ilgiornale.it/news/politica/monde-rettifica-infondate-accuse-contro-berlusconi-e-1481215.html

LEGGI GLI ALTRI BLOG

LOGO FIERA MADRID x sito


 LOGO FIERA MIAMI X SITO

 

ImmagineCompanyProfileUK2ImmagineCompanyProfileIT2

assofranchising italiana

BrD Consulting è iscritta all'Albo Aderenti Assofranchising e ne osserva il Codice Etico.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito accetti che vengano utilizzati.