La Brexit potrebbe essere ritardata fino al 2021, rivelano fonti dell'UE

brexit2019

Secondo quanto riferito, l'UE ha deciso di evitare l'incertezza delle richieste di proroga di tre mesi

La Brexit potrebbe essere ritardata fino al 2021 in base ai piani esplorati dai più alti funzionari dell'UE, in un momento di crescente esasperazione sulla gestione dei colloqui di Theresa May, che il Guardian può rivelare.

Una prolungata estensione del periodo negoziale sta prendendo piede come la posizione di default dell'UE se il comune continua a rifiutare l'accordo di maggio, e una richiesta emerge.

Sostituire il periodo di transizione di 21 mesi con un tempo supplementare come stato membro consentirebbe al Regno Unito e all'UE di sviluppare i loro piani per la futura relazione allo scopo di rendere superfluo il contenzioso irlandese.

Bruxelles è determinata ad evitare di offrire una breve estensione solo per dover rivisitare la questione in estate, quando il governo non riesce ancora a vincere il parlamento.

"Se i leader vedono uno scopo nell'estensione, il che non è una certezza data la situazione nel Regno Unito, non faranno un salto a picco ma andranno a lungo per garantire un periodo decente per risolvere i problemi in sospeso o chiudere i boccaporti" un diplomatico dell'UE ha detto.

"Un'estensione di 21 mesi ha senso in quanto coprirebbe il quadro multi-finanziario [il periodo di bilancio dell'UE] e faciliterebbe le cose. I leader forniti non sono del tutto a corto di stanchezza alla Brexit, e un'estensione tecnica di tre mesi non la taglierà, mi aspetto un calcio di 21 mesi [della lattina]. Sta facendo il giro nei corridoi di Bruxelles. Martin Selmayr [il segretario generale della commissione europea], tra gli altri, ama anche l'idea. "

L'esasperazione con la gestione di Brexit da parte di maggio sta crescendo a Bruxelles, mentre i maggiori esperti hanno messo la possibilità che il Regno Unito si schiantasse senza un accordo a "oltre il 50%".

Fonti informate affermano che non vi è grande preoccupazione per il fatto che le figure di alto livello del governo siano focalizzate sulla ricerca di un vantaggio politico interno e sembrano ostinatamente cieche verso l'opposizione alla riapertura dell'accordo di ritiro.

Un membro ha affermato che era preoccupato che non vi fosse alcun consenso interno sull'accordo di ritiro ma anche sulla posizione del Regno Unito in merito al tipo di rapporto commerciale che desiderava al termine del periodo di transizione.

"Alcuni dicono: 'Possiamo avere la Norvegia, possiamo avere il Canada, possiamo avere un'unione doganale, non possiamo avere un'unione doganale. Alcuni di loro dicono che non ci si può fidare perché pensano che useremo il backstop per mantenerli nell'UE per sempre, ma se si guarda alla confusione, si può vedere esattamente perché è necessario il backstop ", ha detto un insider .

Vi è anche inquietudine per il fatto che l'Irlanda sarà un capro espiatorio senza accordo quando gli stati membri ritengono che il paese venga utilizzato come proxy per prendere in giro le posizioni sui futuri colloqui commerciali. Per questo motivo "ogni tentativo di incolpare gli irlandesi per nessun accordo si ritorcerà contro", ha detto una fonte.

C'è anche confusione sul fatto che la recente ondata di incontri a Bruxelles con il segretario alla Brexit di maggio, Stephen Barclay, e il procuratore generale, Geoffrey Cox, siano caratterizzati a Londra come "negoziati" quando la realtà è che l'UE è ancora in attesa del primo ministro per mostrare loro le modalità alternative per il backstop irlandese per il quale afferma di avere la maggioranza in appoggio.

La frustrazione che si prova a Bruxelles è evidente dopo che Cox è arrivato a Bruxelles senza proposte concrete. "Siamo ancora in modalità wait-and-see. C'è la sensazione che la Gran Bretagna stia esagerando nel modo in cui stanno andando le cose ", ha detto un insider.

Un diplomatico UE di alto grado ha detto che May era da incolpare per non aver affrontato i tories euroscettici. "Ha dato l'impressione che tu possa rimanere nella tua zona delirante del comfort, ma non puoi", ha detto il diplomatico. "A meno che non sia pronta a scegliere non c'è nulla che possiamo fare".

Preoccupazioni sono emerse mentre May si è recata in volo nella località del Mar Rosso di Sharm el-Sheik per un summit della Lega UE-Arabia di stato domenica, e ha confermato che non avrebbe messo un contratto Brexit rivisto ai Comuni questa settimana. Anche così ha insistito sul fatto che "entro la nostra stretta di lasciare l'UE entro il 29 marzo e questo è ciò che stiamo progettando di fare".

Potrebbe dire che avrebbe invece dovuto concludere l'accordo in parlamento il 12 marzo e spazzato via le chiamate di tre ministri del gabinetto - Amber Rudd, David Gauke e Greg Clark - per escludere uno scenario senza accordo.

"Ciò che vediamo attorno al tavolo dei ministri è una forte opinione sulla questione dell'Europa", ha detto. "Quello che stiamo facendo come governo è garantire che stiamo facendo tutto il possibile per lasciare l' Unione europea con un accordo.

"La gente parla dell'estensione dell'articolo 50 come se risolvesse il problema quando, ovviamente, non lo fosse. Rinvia il punto di decisione. Arriva un momento in cui dobbiamo prendere questa decisione. "

C'è un crescente sostegno, tuttavia, tra i parlamentari per un emendamento che dovrebbe essere presentato questa settimana dagli ex ministri del governo laburista e conservatore Yvette Cooper e Oliver Letwin, che consiglierebbe a maggio di cercare un'estensione dell'articolo 50 se non ha un accordo ratificato il 13 marzo.

Al suo arrivo al summit in Egitto, Sebastian Kurz, il cancelliere austriaco, ha offerto il suo sostegno per un ritardo alla Brexit, considerata l'impasse dei negoziati.

"Se all'inizio di marzo non vi è alcun sostegno per l'accordo, penso che sarebbe opportuno posticipare la Brexit perché uno scenario di non-accordo è negativo per l'UE, ma estremamente negativo per il Regno Unito", ha detto Kurz ai giornalisti.

Si presume che i funzionari dell'UE esaminino le opzioni se viene ricevuta una richiesta di proroga: un'estensione "tecnica" di tre mesi per concedere più tempo per la ratifica se il processo parlamentare si sviluppa positivamente o un prolungamento più lungo di nove a 21 mesi nessun modo chiaro per rompere l'impasse attuale.

Una fonte vicina al presidente del consiglio europeo, Donald Tusk , ha affermato che dal momento che una richiesta non è stata ancora presentata da Downing Street, la questione non è stata discussa dai leader. "Nessuna posizione di Tusk su questo", ha detto il funzionario dell'estensione di 21 mesi. "In questa fase, almeno."

Ma le fonti hanno detto che l'UE è determinata a evitare una serie di richieste di proroga di tre mesi da parte del Regno Unito, il che causerebbe una dannosa incertezza, lasciando Bruxelles incapace di pianificare il futuro.

L'emergere dell'idea di un ritardo di 21 mesi alla Brexit sarà visto da alcuni come un tentativo di spingere i parlamentari di Brexiter a sostenere l'accordo di maggio.

Il capo negoziatore dell'UE, Michel Barner, ha consigliato agli ambasciatori la scorsa settimana che la minaccia di una lunga proroga potrebbe essere utilizzata da maggio come leva nei colloqui con i suoi parlamentari di Brexiter mentre cerca di spingere l'accordo attraverso il parlamento.

Nel frattempo, May sta procedendo con la richiesta di modifiche legalmente vincolanti all'accordo di ritiro per rassicurare i Brexiters sulla natura temporanea del blocco irlandese, che manterrebbe il Regno Unito in un'unione doganale per evitare un duro confine con l'isola d'Irlanda.

Il primo ministro ha aggiornato Tusk durante un incontro di 30 minuti al vertice in Egitto sui suoi piani per il voto significativo. "Nessuna tensione", ha detto una fonte dell'UE. "Concentrati sugli aspetti pratici".

Si diceva che Tusk avesse detto a maggio che l'UE avrebbe avuto "chiarezza sul fatto che una proposta per la via da seguire possa raggiungere la maggioranza nel Regno Unito, prima che la questione venga affrontata dal Consiglio europeo".

Il taoiseach irlandese, Leo Varadkar, che terrà colloqui con May il lunedì in Egitto, ha respinto le affermazioni fatte domenica da Michael Gove, il segretario all'ambiente, secondo cui un limite temporale o un meccanismo di uscita unilaterale dall'attacco irlandese potrebbero ancora emergere dai colloqui .

"Un backstop che include un limite di tempo non è affatto un backstop. Né una clausola d'uscita unilaterale funzionerebbe per noi ", ha detto Varadkar.

Fonte:https://www.theguardian.com/politics/2019/feb/24/brexit-could-be-delayed-until-2021-eu-sources-reveal

LEGGI GLI ALTRI BLOG


Disclaimer per contenuti blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. 

GIAPPONE 2019

 

franchise expo paris 2019

 

Store in & out-Blog

ImmagineCompanyProfileUK2ImmagineCompanyProfileIT2

assofranchising italiana

BrD Consulting è iscritta all'Albo Aderenti Assofranchising e ne osserva il Codice Etico.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito accetti che vengano utilizzati.