Franchising, retail, business



 

Tesla, i segreti di Elon Musk: ecco perché non assume laureati

01tESLA

Lavorare in Tesla può essere alla portata di tutti: diplomati e non. Ma a condizione che si possieda un’approfondita conoscenza di tutto ciò che ruota intorno al mondo del machine learning e dell’intelligenza artificiale.

Parola di Elon Musk, che perfino nel ricercare nuovi collaboratori si è dimostrato, per l’ennesima volta, personaggio fuori da ogni schema. Se c’è infatti una cosa a cui il visionario di Pretoria ha sempre dimostrato di non dare peso sono i titoli di studio. E ciò, nonostante lui stesso vanti due lauree, in fisica ed economia, rispettivamente al College of Arts and Sciences e alla Wharton School of Business dell’Università della Pennsylvania. Perché ai suoi occhi ciò che conta davvero è il guizzo, la scintilla, il genio personale. Ne sa qualcosa, tra gli altri, il social media manager Adam Koszary, assunto in Tesla lo scorso maggio per il solo merito di aver divertito l’istrionico imprenditore postando la foto di una pecora sul profilo Twitter di un museo inglese.

L’intelligenza artificiale
Che per lavorare al suo fianco non fosse strettamente necessario possedere una laurea, Musk lo aveva fatto capire più volte. Domenica, però, lo ha ribadito ufficialmente. «In Tesla utilizzare l’intelligenza artificiale per consentire la guida autonoma non è solo la ciliegina sulla torta, è la torta stessa»: questo l’incipit dell’annuncio di lavoro diffuso via Twitter. «Unisciti all’intelligenza artificiale di Tesla! Risponderai direttamente a me, ci incontreremo, ci scriveremo o scambieremo e-mail quasi tutti i giorni. Le mie azioni, non solo le mie parole, mostrano quanta importanza io attribuisca all’intelligenza artificiale (benigna)». Appena di seguito, il link al sito ufficiale attraverso cui far pervenire la propria candidatura. Uniche informazioni richieste, il nome, l’e-mail e una risposta alla domanda «Quale lavoro eccezionale hai già svolto?».

Non serve nemmeno il diploma...
Del titolo di studio, dunque, nessuna traccia. Così, a un utente che gli domandava se un dottorato in materia potesse essere sufficiente, Musk ha risposto: «Un dottorato è assolutamente non richiesto. (…) Non preoccuparti se non hai neppure un diploma di scuola superiore». Facile ipotizzare la reazione dell’interlocutore, dopo tanti anni spesi sui libri. Ma nella misura in cui un brillante percorso di studi può garantire lo sviluppo di solide competenze, tutto sembra riguadagnato. Perché se da una parte, come precisato tra i commenti dallo stesso Ceo, «il background scolastico è irrilevante», dall’altra i selezionati saranno anche chiamati a «superare severi test di coding». L’ultimo passo prima entrare a far parte di una delle aziende più innovative del pianeta, anche se tra i banchi di scuola non ci si è poi seduti a lungo.

di Alessandro Vinci

Fonte:https://www.corriere.it/economia/aziende/20_febbraio_10/elon-musk-offre-lavoro-twitter-non-mi-servono-laureati-c15cf0c6-4be3-11ea-91c6-061fa519fab0.shtml


Disclaimer per contenuti blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. 

fiera Japan 2020

 

FEP anim UK 245x350 P3

 

ImmagineCompanyProfileUK2ImmagineCompanyProfileIT2

Logo Store inout BrD piccoloL’idea di creare un blog giornaliero per  il mondo del retail nasce grazie ai continui feedback positivi che riceviamo dalle notizie condivise attraverso diversi canali.
Rivolto a tutte le tipologie di distribuzione presenti sul mercato: dal dettaglio ai grandi mall, dal commercio locale e nazionale alle catene di negozi internazionali, investitori, ai nostri fedeli clienti e chiunque altro è realmente interessato allo studio e all'approfondimento su ciò che guida il comportamento dei consumatori. E' anche un blog per tutti coloro i quali lavorano già nel mondo del Retail.
Verranno condivise le loro esperienze, le loro attitudini e le loro experties. Un blog di condivisione, quindi.
Ospitato sul sito della BRD Consulting, che da decenni lavora nel mondo distributivo Italiano ed Internazionale, il blog Store in & out riguarderà il business, i marchi e i comportamenti d'acquisto propri di alcune delle più grandi aziende.
Ci saranno anche notizie in lingua originale per dare evidenza dell’attenzione della nostra Azienda nei confronti del global.
È possibile raggiungere lo staff  a: info@brdconsulting.it

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito accetti che vengano utilizzati.