Franchising, retail, business



 

Open innovation, perché Carrefour ha acquisito Potager City (food delivery)

01potager city1

Per il gruppo francese è la seconda acquisizione di una startup da inizio anno. Potager City è impegnata nella consegna a domicilio di frutta, verdura e legumi freschi coltivati a km 0.

Il Gruppo Carrefour ha acquisito Potager City, un ulteriore passo nella sua strategia di open innovation incentrata (anche) sulle startup. Dopo aver completato a metà gennaio l’acquisizione di Dejbox, che consegna pranzi ai dipendenti, ora è la volta di Potager City, una realtà innovativa impegnata nella consegna a domicilio di frutta, verdura e legumi freschi coltivati a km 0.

 

Come è nata e cosa fa Potager City
Fondata nel 2007 nelle Rhone-Alpes (Francia) da Yoann Alarçon, la rete di produttori di Potager City propone soluzioni differenziate di ortofrutta consegnata tramite punti di prelievo o in ufficio, accompagnate da ricette semplici e di veloce preparazione per una migliore alimentazione quotidiana. La rete conta più di 750 produttori locali selezionati per la qualità che sono in grado di offrire. La sede principale è a Lione. Le consegne avvengono in 350 città in Francia: si appoggiano su 7 piattaforme e una rete di 3.300 punti di prelievo intermedi, che permettono a Potager City di essere vicina sia ai consumatori sia ai produttori. Prima di essere acquisita, il 21 gennaio 2020, Potager City aveva raccolto 7,5 milioni di euro in un unico round di finanziamento.

Potager City: così Carrefour rafforza l’ecommerce
“Con questa acquisizione Carrefour completa la sua offerta di ecommerce alimentare – dichiara Amélie Oudéa-Castera, direttrice esecutiva eCommerce, dati e trasformazione digitale di Gruppo Carrefour – per garantire ai clienti abbonati panieri di prodotti extra-freschi, provenienti da filiera corta, che uniscono gusto e bontà a sicurezza e sostenibilità alimentare”.

Il fondatore di Potager City, Yoan Alarcon, commenta: “Questa acquisizione segna una nuova tappa per noi e per i nostri partner e produttori. Siamo entusiasti di questa integrazione in Gruppo Carrefour, che ci permetterà di implementare nuove soluzioni accessibili per i consumatori che vogliono alimentarsi in modo più sano, gustoso, e responsabile”.

Carrefour, l’ecommerce e il food delivery
Anche la startup precedentemente acquisita, Dejbox, copre gli ambiti dell’ecommerce e del food delivery. Si tratta infatti di una “mensa online” che permette agli impiegati di ordinare e farsi recapitare gratuitamente i pasti in ufficio scegliendo da un ampio menù provvisto di piatti freschi, cucinati e di stagione. A questo punto sono già due le startup acquisite da inizio anno dal gruppo francese della grande distribuzione. In passato ha avviato con la startup Qopius un progetto per il riconoscimento automatico di prodotti sugli scaffali. L’acquisizione e la collaborazione con giovani realtà innovative rientra nella strategia di open innovation del grande gruppo francese della GDO, intenzionato a cercare proposte e soluzioni innovative anche al di fuori delle mura aziendali.

Fonte:https://www.economyup.it/retail/open-innovation-perche-carrefour-ha-acquisito-potager-city-food-delivery/


Disclaimer per contenuti blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. 

fiera Japan 2020

 

FEP anim UK 245x350 P3

 

ImmagineCompanyProfileUK2ImmagineCompanyProfileIT2

Logo Store inout BrD piccoloL’idea di creare un blog giornaliero per  il mondo del retail nasce grazie ai continui feedback positivi che riceviamo dalle notizie condivise attraverso diversi canali.
Rivolto a tutte le tipologie di distribuzione presenti sul mercato: dal dettaglio ai grandi mall, dal commercio locale e nazionale alle catene di negozi internazionali, investitori, ai nostri fedeli clienti e chiunque altro è realmente interessato allo studio e all'approfondimento su ciò che guida il comportamento dei consumatori. E' anche un blog per tutti coloro i quali lavorano già nel mondo del Retail.
Verranno condivise le loro esperienze, le loro attitudini e le loro experties. Un blog di condivisione, quindi.
Ospitato sul sito della BRD Consulting, che da decenni lavora nel mondo distributivo Italiano ed Internazionale, il blog Store in & out riguarderà il business, i marchi e i comportamenti d'acquisto propri di alcune delle più grandi aziende.
Ci saranno anche notizie in lingua originale per dare evidenza dell’attenzione della nostra Azienda nei confronti del global.
È possibile raggiungere lo staff  a: info@brdconsulting.it

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito accetti che vengano utilizzati.